Risultati 51 - 100 di 123 totali

Lettera | Quattromani ringrazia Francesco Sambiasi per avergli restituito il libro che gli aveva prestato. Non può ancora inviargli nessuna delle cose richieste ma solo una 'Orazione' di [Francesco] Petrarca. Quattromani non ha notizie di Francesco Antonio d'Amico ...
Archilet
Lettera | Quattromani dice di aver letto con piacere l'epitaffio [?] inviatogli da Francesco Sambiasi e di averlo trovato bello al pari di quello che fece il "cavaiuolo alla morte della Cava" [il riferimento è alla tradizione delle 'Farse cavaiole' che ridicolizzav...
Archilet
Lettera | [Don Francesco Spinelli], principe di Scalea, chiede a Sertorio Quattromani di indicargli qualche buon libro che parli "della ragione di stato e di guerra, e del governo dei regni e delle Repubbliche". Il Quattromani consiglia "Xenofonte de i fatti di Cir...
Archilet
Lettera | Il Quattromani supplica il marchese di Corigliano [Geronimo de' Monti] di intercedere presso il principe di Conca [Matteo di Capua] perché assuma presso di sé Teseo e Tomaso Sambiasi, nipoti del mittente, come viceammiragli uno di Fiumefreddo [Fiumefreddo...
Archilet
Lettera | Il Quattromani si rammarica di non potersi recare a Napoli per "far riverenza" a Giovanni Antonio Pisano, protomedico [di Napoli]. Manda in sua vece Fabio Sergio e prega il protomedico di accoglierlo come proprio servitore. Il Quattromani spera infine di ...
Archilet
Lettera | Quattromani informa Giovanni Battista Ardoino su come stanno trascorrendo i propri giorni a Cerisano lui e le persone che sono con lui: Sertorio trascorre una vita riposata e tranquilla; il Signor Francesco [Sambiasi] è guarito, parla spesso dell'Ardoino ...
Archilet
Lettera | Il Quattromani dichiara di essersi recato a San Giovanni [il convento napoletano di San Giovanni a Carbonara] per promettere al padre Cherubino [Veronese], secondo il desiderio del destinatario della lettera, Giovanni Battista Costanzo [arcivescovo di Cos...
Archilet
Lettera | Quattromani afferma di avere con sé il 'Dialogo delle imprese' [opera di Quattromani andata perduta] e che lo porterà a Roma dove sta per recarsi per farlo giudicare da Giovanni Battista Vecchietti. Il giorno successivo giungerà a casa di Quattromani il p...
Archilet
Lettera | Quattromani si rallegra perché Giovanni Berardino Cavalcanti, il Signor Paolo [Cavalcanti] e il Signor Guido [Cavalcanti] sono usciti indenni dalle tempeste che li hanno messi in pericolo per molti giorni. Informa poi il Cavalcanti che Francesco Antonio d...
Archilet
Lettera | Attraverso una citazione da Petrarca ['Rvf', I, 8], il Quattromani chiede perdono a Giovanni Chiavellone per non aver risposto ai suoi sonetti. Si trova infatti in uno stato di grande difficoltà tanto da prendere in considerazione l'ipotesi del suicidio. ...
Archilet
Lettera | Mario [di Ponzo] ha scritto a Giovan Francesco Caputi [nipote di Bernardino Telesio] che il Quattromani si è invaghito di Palina [donna romana non meglio identificata]: non è strano che costui racconti una simile falsità in quanto gli è sempre stato ostil...
Archilet
Lettera | Quattromani è addolorato per la lontananza di Giovanni Maria Bernaudo e non può trovare consolazione. L'unico conforto sta nel discutere con il "Signor Michele" [?] che, quantunque brutto, a Sertorio appare bellissimo perchè gli parla di Giovanni Maria e ...
Archilet
Lettera | [Nel salotto romano di] Margherita "Sarrocchia" [Sarrocchi] un letterato ha recitato al Quattromani alcuni "versi del Signor Torquato Tasso, che sono al diciottesimo canto della sua 'Gerusalemme', dove si ragiona della cintura di Armida" [in realtà i vers...
Archilet
Lettera | Quattromani rivela a Giovanni Maria Bernaudo il nome dell'uomo che ha scritto "le istorie d'Italia, et delle sue città, et che ha tanto celebrato i nostri Accademici": si tratta di Ambrogio Vitale [non altrimenti noto], un dotto milanese giunto da Sertori...
Archilet
Lettera | Il Quattromani ha tradotto la "historia" ['Le historie de Monsignor Gio. Battista Cantalicio Vescovo di Civita di Penna, et d'Atri, delle Guerre fatte in Italia da Consalvo Ferrando di Aylar, di Cordova, detto il gran Capitano; tradotte in lingua toscana ...
Archilet
Lettera | Quattromani dice di accettare le scuse che gli fa Giovanni Maria Bernaudo per non avergli scritto per lungo tempo e gli conferma tutto l'affetto che gli porta. Scrive poi di avere molto apprezzato le rime che il suo interlocutore gli ha mandato [si tratta...
Archilet
Lettera | Quattromani scrive a Giovanni Maria Bernaudo di aver detto al Signor Ambrogio [Ambrogio Vitale, dotto milanese ricordato in un'altra lettera di Sertorio sempre al Bernaudo del 17 novembre 1588] di aver fatto torto ad alcuni letterati dell'Accademia cosent...
Archilet
Lettera | Il Quattromani porge i suoi saluti scusandosi di non scrivere tutto ciò che aveva in mente poiché è stato interrotto da molte visite.
Archilet
Lettera | Quattromani si dice profondamente addolorato per la morte "del Signor Don Diego" [non meglio noto] per due ragioni: sia perché immagina il dolore di Giovanni Maria Bernaudo che gli era molto affezionato, sia per sé stesso, che aveva nel defunto uno dei pi...
Archilet
Lettera | Il "piego" inviato dal Bernaudo è stato intercettato e aperto dal duca [di Nocera, Ferrante Carafa] quindi il Quattromani non ha potuto restituire al mittente la sua missiva e quella scritta dai membri del reggimento [di Cosenza]. Rinuncia poi a descriver...
Archilet
Lettera | Il Quattromani chiede al Bernaudo di non lamentarsi poiché non riceve sue missive: gli ha inviato un "piego" di lettere con l'aggiunta di una lettera per il duca [di Nocera, Ferrante Carafa]. Il problema è dovuto ai "procacci, che in prendersi i denari, s...
Archilet
Lettera | Quattromani si scusa con Giovanni Maria Bernaudo per averlo disturbato nella sua malattia con le proprie lettere, e lo prega di non scrivergli se non si sente le forze necessarie per farlo. Confessa poi di essere venuto a sapere che il Bernaudo si era fat...
Archilet
Lettera | Il Quattromani risponde ad alcune obiezioni mosse alle rime dell'Ardoino ['Al Ilustre S. Gioan Maria Bernaudo. Le Rime del sig. Gio. Batt. Ardoino Academico Cosentino in morte della signora Isabella Quattromani sua moglie', Napoli, Gioseppe Cacchi, 1590]....
Archilet
Lettera | Sono giunte al Quattromani accuse di non aver prodotto da sé il suo "trattatello" ['La philosophia di Berardino (Bernardino) Telesio ristretta in brevità, et scritta in lingua toscana dal Montano Academico Cosentino', Napoli, Appresso Giuseppe Cacchi, 158...
Archilet
Lettera | Quattromani ha scrtto a Giovan Battista [Ardoino] che è disposto a dimenticare le "frascherie" dette nei giorni precedenti e a servire il Bernaudo. Le correzioni del Bernaudo ad un sonetto dell'Ardoino lo hanno arricchito tanto da renderlo pari ai miglior...
Archilet
Lettera | Come frate Cipolla non poteva sapere che Guccio Imbratta gli avesse sottratto la penna di pappagallo [Giovanni Boccaccio 'Decameron', VI, 10], così il Quattromani non può credere che Pescetello [Piscitello] abbia detto cose tanto malvagie. La lettera che ...
Archilet
Lettera | Il Quattromani non ha avuto tempo di scrivere al suo interlocutore. Spera che le molteplici occupazioni cessino presto e che possa tornare a dedicarsi ai servigi al Bernaudo e all'attività letteraria.
Archilet
Lettera | Il Quattromani è richiesto da molti a Roma ma non vorrebbe allontanarsi dal duca [di Nocera, Ferrante Carafa]; vorrebbe che il Bernaudo fosse con lui per consigliarlo. Fabrizio della Valle [nipote del Quattromani] si trova a Roma ed è stato ricevuto dal c...
Archilet
Lettera | Quattromani invia a Giovanni Maria Bernaudo tre sonetti del Tasso: il primo è intessuto di versi del Petrarca ed è di poco valore; gli altri due sono scritti in lode di un calamaio e sono anch'essi "assai triviali" [per i sonetti tassiani sul calamaio ("Q...
Archilet
Lettera | Il Quattromani si trova a Nocera immerso nei festeggiamenti per la nascita del figlio dei duchi [Antonio, figlio di Ferrante Carafa e Anna Clarice]; quando tornerà la quiete renderà conto dei servigi resi al Bernaudo e a Giovan Battista [Ardoino]. Sertori...
Archilet
Lettera | Il Quattromani si dispiace di essere lontano dal Bernaudo e di non ricevere sue missive. Si trova a Nocera con il duca [di Nocera, Ferrante Carafa] e qui rimarrà fino al secondo giorno di quaresima, poi si trasferirà a Napoli. Ha tradotto "la historia" e ...
Archilet
Lettera | Il Quattromani si dice abbattuto per la partenza di Giovanni Maria Bernaudo e gli chiede qualche lettera come minima consolazione. Si trova a Nocera presso il Duca [Ferrante Carafa] immerso in molti impegni; tra pochi giorni sarà invece a Napoli dove potr...
Archilet
Lettera | Quattromani scrive a Giovanni Maria Bernaudo di essere giunto a Napoli il 2 di luglio e di aver raggiunto il duca [di Nocera, Ferrante Carafa] a Posillipo il giorno successivo. Il duca gli ha domandato della Sila e chiesto ospitalità per il futuro per sé ...
Archilet
Lettera | Quattromani scrive a Giovanni Matteo D'Aiello che i Consigli [non è chiaro se si tratti di un'opera o del contenuto di una lettera] di quest'ultimo hanno accresciuto la sua voglia di recarsi a Roma, e se non fosse per la malattia del Duca [Ferrante Carafa...
Archilet
Lettera | Quattromani informa Giovanni Paolo d'Aquino di aver ricevuto tutte le lettere che questi gli ha inviato e di avergli risposto per tramite del Signor Mario [di Ponzo]. Scrive poi di essere stato più volte dal Signor Leonardo [Angrisano] per ottenere la lic...
Archilet
Lettera | Quattromani si rallegra che Giovanni Paolo d'Aquino sia entrato nel governo di Cosenza in un momento di particolare bisogno per la città. Dovrà, per questo compito, sopportare molte fatiche dalle quali, però, potrà derivare "il riposo della […] patria". Q...
Archilet
Lettera | Il Quattromani manda a Giovanni Vincenzo Egidio l''Uranos' di Antonio Telesio [operetta edita postuma da Francesco Daniele: 'Antonii Thylesii Consentini Opera', Napoli, Simoni, 1762], che elogia. Promette poi di inviare altre composizioni del Telesio insi...
Archilet
Lettera | Quattromani, rispondendo a una precedente richiesta di Giovanni Vincenzo Egidio, gli spiega il senso dell'ultima terzina del sonetto di Petrarca 'Come il candido piè per l'erba fresca': spiega in particolare il motivo per cui il poeta si paragona a una no...
Archilet
Lettera | Quattromani dichiara di aver ricevuto le lettere di Giulio Cavalcanti soltanto da venti ore perché gli furono inviate a Vico [l'attuale Vico Equense in provincia di Napoli] il giorno stesso in cui si spostò a Napoli. La canzone di Giulio Cavalcanti ['Se n...
Archilet
Lettera | Quattromani promette di inviare a Giulio Cesare Torelli "il rimanente del suo sonetto" [la seconda parte del proprio commento ad un sonetto non identificabile del Torelli] e le sue riflessioni su una 'Canzone' del Torelli [si tratta di una canzone inedita...
Archilet
Lettera | Quattromani afferma di avere letto il "secondo sonetto" [di difficile identificazione] di Giulio Cesare Torelli e di averlo molto apprezzato [lo paragona infatti ai migliori sonetti del Petrarca e del Casa]; pertanto glielo rispedisce senza correzioni. In...
Archilet
Lettera | Il Quattromani informa il cardinale Guglielmo Sirleto che sarà raggiunto a Roma da Pietro Francesco Parigi, il quale gli recapiterà la sua missiva. Prega dunque il destinatario di riservare a costui la migliore ospitalità.
Archilet
Lettera | Quattromani informa Lodovico Domenichi che il suo "libro de' motti" ['Detti, et fatti di diversi signori et persone private, i quali communemente si chiamano Facetie, motti, et burle; raccolti per M. Lodovico Domenichi', Firenze, Lorenzo Torrentino, 1562;...
Archilet
Lettera | Quattromani scrive a Marcello Ferrai che ha cominciato un discorso "delle bellezze del Petrarca" per indicarne i pregi e un altro sulle fonti antiche e coeve dello stesso Petrarca [si tratta di opere perdute del Quattromani: 'Sposizione de Petrarca', 'Bel...
Archilet
Lettera | Quattromani chiede a Mattia Romani a quale scopo questi abbia scritto una "bellissima lettera" al Signor N. [non identificato]. Da quanto ne dice Sertorio si può capire che in quella lettera il Romani scriveva che il Signor Orazio [Marta] aveva molto loda...
Archilet
Lettera | Nonostante un forte mal di occhi Quattromani dice di ubbidire al Signor Rosso [Francesco Antonio Rossi] che gli fa scrivere "volumi intieri". Quattromani si scusa con Romani per essere dovuto partire repentinamente, ma ha dovuto lasciare Napoli per recupe...
Archilet
Lettera | Sertorio Quattromani si lamenta con Mattia Romani per il suo silenzio epistolare; quindi lo ringrazia per il dono delle nocciole, che ha donato in parte alla signora Lisabetta [Beccuti], che a sua volta ha ricambiato con delle camicie. Sappia che il "Sign...
Archilet
Lettera | Qattromani scrive a Muzio della Cava che i loro comuni amici gli hanno lodato molto scarsamente la sua Donna [Quattromani, secondo quando dice Matteo Egizio ('Vita di Sertorio Quattromani', Napoli, 1714, p. XXIV), non sì è mai sposato. La Donna di cui si ...
Archilet
Lettera | Quattromani non ha potuto scrivere a Nereo Morelli, essendo stato a Posillipo, ma tra pochi giorni sarà a Napoli e potrà redigere molte lettere. Si meraviglia che Giletta [la donna amata da Nereo Morelli], donna di animo saggio e giudizioso, lo respinga, ...
Archilet
Lettera | Quattromani dice di inviare a Orazio Marta il resto delle spiegazioni di Dante che gli ha richiesto il mese precedente [in una lettera a Francesco Antonio d'Amico dell'8 marzo 1603 Sertorio parla di una "cosuccia di Dante" da lui scritta, forse un'operett...
Archilet